ANUTEL : modello TASI

 

Sulla dichiarazione Tasi l'assenza di un modello unico rischia di moltiplicare le inutili complicazioni a carico dei contribuenti. Per questa ragione, Anutel ha predisposto un modello dichiarativo completo e di semplice compilazione, quale contributo di sintesi e di indirizzo in attesa che sia approvato quello ufficiale.

Il modello proposto non è sostitutivo di quello che presumibilmente verrà approvato con decreto del Mef, ma considerato che a tutt'oggi del decreto non vi è traccia, per evitare le storture di un adattamento personale del modello Imu e nell'ipotesi che il ministero non provveda, Anutel in collaborazione con i tecnici di Advanced Systems s.r.l. ha predisposto un modello dichiarativo, corredato da semplici istruzioni e modalità di compilazione che potrà essere adottato da qualsiasi Comune che lo ritenga valido e funzionale.

La nota Anutel al Mef

Con propria nota dell'11 marzo scorso, l'associazione ha rappresentato al Mef viva preoccupazione in merito all'adempimento della dichiarazione Tasi, portando all'attenzione i numerosi quesiti pervenuti da parte dei Comuni associati e non, tesi a conoscere le modalità per la predisposizione del modello di dichiarazione Tasi e sull'effettiva necessità che sia predisposto dai Comuni medesimi.

In risposta alla sollecitazione, il Mef, con la nota risoluzione n. 3/DF del 25 marzo scorso, ha offerto una propria lettura della normativa di riferimento ricavandone la conclusione che «…dalla lettura delle norme che disciplinano la Tasi, emerge che il modello di dichiarazione deve essere approvato con decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze».

Anutel prende atto della posizione ministeriale, malgrado la inadeguatezza sul punto della normativa nazionale, e auspica che in tempi brevissimi si provveda all'approvazione del modello dichiarativo, atteso che il termine del 30 giugno è di prossima scadenza. Nel contempo però non nasconde la propria preoccupazione qualora detto modello non fosse emanato. In tal caso, rifuggendo dall'indirizzo radicale che vorrebbe il detentore esonerato dall'onere dichiarativo, se ne dovrà dedurre che questo soggetto non potrà che utilizzare il modello Imu approvato con il Dm 30 ottobre 2012 che, però, è assolutamente inadeguato perché strutturato per il possessore.

Inoltre, quand'anche fosse il modello legale da utilizzarsi (perché di approvazione ministeriale), le sue necessitate correzioni per adeguarlo alle esigenze del detentore non offrono la garanzia che le stesse siano apprezzate dall'ente impositore per come le ha intese il dichiarante, trascurando infine la circostanza che il modello corretto potrebbe non essere compiutamente lavorato dal software utilizzato dal comune con i consequenziali aggravi di sua lavorazione.

Il modello Anutel

Ebbene proprio la finalità di evitare equilibrismi sul modello dichiarativo approvato per l'Imu, ha indotto Anutel alla proposta del proprio modello Tasi quale forma di anticipata cautela nella denegata ipotesi che il ministero non provveda all'approvazione di un modello unitario, perché in sua mancanza piuttosto che adattare il modello Imu vigente è di maggiore garanzia per le parti del rapporto di imposta utilizzare un modello dichiarativo specifico predisposto per la Tasi.

Il modello potrà ben considerarsi legittimo atteso che nell'inerzia ministeriale l'esercizio del potere comunale regolamentare di cui all'articolo 52 del Dlgs n. 446 del 1997, nell'ottica dell'esigenza della maggiore semplificazione degli adempimenti per il contribuente, è un dovere del comune e gli consente, quindi, di integrare la disciplina d'imposta nelle sue mancanze.


Scarica qui il modello TASI
 

Ultima Modifica: 20/04/2015
Stampa ANUTEL : Modello TASIInvia a un amico ANUTEL : Modello TASIChiudi l'elemento ANUTEL : Modello TASI
Marzo 2019
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Nessun evento in programma prossimamente